Daniela Carini
 

Blog

Aria

  |   La Scuola   |   Nessun commento

Come poter parlare semplicemente di una cosa così importante e differente da tutto ciò che normalmente si vive?

Ho voluto impostare il discorso iniziale dello stage su quelle che sono le basi neurologiche e cognitive della meditazione.

Grande parola, ma veramente poco conosciuta quest’ultima.

Per saggiare cosa sapeva il mondo ufficiale e l’uomo comune a tale proposito ho fatto anche una piccola ricerca. Quel che ho trovato al massimo ha a che fare col “training autogeno” o con alcune tecniche che portano particolare attenzione sulla respirazione. Ho scoperto inoltre che più certe tecniche vengono spiegate per iscritto e più si rischia di mentalizzarle impedendo a se stessi di poter raggiungere risultati veramente significativi. Sconvolgente! Detto tra noi apprezzo ogni giorno di più gli antichi insegnamenti dei Maestri che prevedevano esclusivamente insegnamenti pratici e orali dispensati solo direttamente agli allievi meritevoli.

Qui al monastero di Montelupone quello che si intende per meditazione è tutt’altro, molto più profondo e spirituale.

Allo stage ho visto riuscire negli esercizi proposti tutti i partecipanti, compresi alcuni bambini presenti. Sorprendente ed eccitante perché si è trattato di eseguire tecniche antichissime e piuttosto complesse con integrazione delle energie dei vari partecipanti.

Nonostante non possa descrivere le tecniche usate in un articolo in quanto necessitano assolutamente di una guida attenta ed esperta per essere praticate, sono sicura che l’emozione che ha accompagnato sia me che i partecipanti trapeli tra queste righe. È un onore per me poter proporre al pubblico esperienze di così grande portata. L’autenticità delle emozioni vissute ha lasciato tutti colmi di gioia per giorni e giorni. Grazie Maestro Lazzarini! Egli sta superando ogni aspettativa possibile di insegnamento.

Dott.ssa Carini

Nessun commento

Inserisci un commento